Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

CENTRO soSTARE DRAFT6 01SoStare nasce dall’esperienza di EssereUmani onlus che ogni giorno lavora al fianco di bambini, ragazzi e adulti per affrontare insieme situazioni legate a piccole e grandi difficoltà quotidiane, fino ad occuparsi di persone che sperimentano condizioni di disagio ed emarginazione sociale.

In Sostare trovi Mediatori, Psicologi e Counselor, accoglienza ed empatia!

Il servizio è rivolto a giovani e adulti, a chi sta affrontando una difficoltà, un disagio o una problematicità legata al ciclo di vita.

 

 

CI OCCUPIAMO DI

  • Prima di tutto di TE !
  • ASCOLTARE per affrontare insieme preoccupazioni e incertezze
  • SOSTENEREper orientarsi nelle difficoltà della vita quotidiana
  • MEDIARE per affrontare e gestire i conflitti

A CHI E’ RIVOLTO

  • Ragazzi e giovani adulti attraverso sportelli gratuiti nelle scuole.
  • Adulti con punti SoStare basati sulla formula Up to You (Paghi secondo le tue disponibilità)

COLLABORIAMO CON

SoStare collabora con diverse realtà del territorio torinese.

Siamo presenti con 3 sportelli di Mediazione presso:

  • I.C. Marconi Antonelli,
  • I.C. Tommaseo
  • I.C Gozzi Olivetti

 Abbiamo avviato inoltre uno sportello di Ascolto e Sostegno:

  • per tutti gli iscritti dell’Università del Perdono onlus di Torino
  • su richiesta peri pazienti del Centro Fisioterapico Equilibrium di Torino.

Si tratta di un percorso di sensibilizzazione all’utilizzo responsabile delle tecnologie di ultima generazione, con particolare attenzione alla sfera dei “Social Network”.

In collaborazione con il Concorso Letterario Nazionale “Lingua Madre”.

La finalità del laboratorio è quella di fornire ai ragazzi e alle ragazze elementi di riflessione autonoma rispetto al problema della violenza contro le donne, con l’obiettivo di destrutturare l’idea di “normalità” sul tema della violenza, analizzare gli stereotipi e i pregiudizi, promuovere e diffondere nello specifico un senso critico sul tema della violenza contro le donne.

EssereUmani nel periodo estivo organizza le attività ludico-educative presso la Cascina Roccafranca (Circoscrizione 2), nell’ambito dell’Estate Ragazzi rivolta ai bambini della scuola primaria. I temi dei giochi e delle attività formative prendono spunto dai Diritti Naturali dei bambini inventati dal professor Zavalloni e riadattati anno dopo anno, per rimanere al passo coi tempi, dall’équipe educativa di EssereUmani. Appuntamenti fissi nell’organizzazione della settimana sono la gita (della durata di tutto il giorno), la mattinata in piscina (presso l’impianto sportivo Gaidano), i giochi, i compiti, i bans e tanto divertimento!

Il tema del silenzio è sempre stato importante nella storia umana. Oggi, il valore del silenzio viene riscoperto dalla persona attorniata dall'assenza dello stesso: il silenzio fisico e quello della quiete dell'animo come possibilità di posa diventano “lussi” che il soggetto deve sapere fare a se, crearsi, conquistandoseli.

Grazie alla collaborazione con la Fondazione Cascina Roccafranca, EssereUmani organizza pomeriggi dedicati ai bambini sul tema dei DIRITTI NATURALI DEI BAMBINI, teorizzati dal professor Gianfranco Zavalloni e rivisti dall’équipe educativa di EssereUmani.

L’idea di base da cui EssereUmani è partita pianificando questo progetto di contrasto alla dispersione scolastica all’interno dell’Istituto Comprensivo “Marconi-Antonelli”, è che la scuola riveste un ruolo centrale nella dinamica educativa di ogni persona, agendo oggi sui giovani che diventeranno gli adulti del futuro.

L’esperienza didattica “MediaMente Bullo” si sviluppa in tre tappe, con l’obiettivo di instillare nella scuola secondaria la cultura della mediazione come strumento efficace di gestione dei conflitti, con particolare attenzione verso quei fenomeni che sono particolarmente diffusi nei contesti scolastici, come per l’appunto il bullismo.

Pagina 3 di 4

ubuntu

  • Ubuntu
    Ubuntu

    Un antropologo in Africa studiava gli usi e i costumi della tribù Ubuntu.
    Un giorno, mentre aspettava l’auto che lo avrebbe riportato all’aeroporto, decise di proporre un gioco ad alcuni bambini...
    Mise un cesto pieno di frutta sotto a un albero, poi chiamò i bambini dicendogli che chi avesse raggiunto il cesto per primo, avrebbe vinto tutta la frutta.

    Commenta per primo! Letto 4481 volte Leggi tutto...

Giù le maschere

Vai all'inizio della pagina