Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Dicono di Noi

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da Tv2000
  • Del Lunedì, 08 May 2017

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da La Repubblica
  • Del Martedì, 07 February 2017

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da GRP Televisione
  • Del Martedì, 07 February 2017

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da TG3 Piemonte
  • Del Martedì, 07 February 2017

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da Quartarete
  • Del Venerdì, 23 September 2016

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da Sestarete
  • Del Giovedì, 22 September 2016

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da Reteconomy
  • Del Mercoledì, 21 September 2016

Imparare a litigare, per evitare prevaricazioni e violenze. Si chiama “Mediamente Bullo” ed è il nuovo progetto con cui quindici scuole piemontesi cercano di prevenire il bullismo: un’iniziativa che viene sperimentata a Torino (sono coinvolti anche istituti di Biella e Vercelli) e se funzionerà sarà portata in tutta Italia.

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da LA STAMPA
  • Del Mercoledì, 21 September 2016

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da TG3 Piemonte
  • Del Sabato, 24 September 2016

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da L'Ora di Religione
  • Del Sabato, 01 October 2016

L’unico metodo per sradicare la piaga del bullismo dalla nostra società è quello di cambiare la mentalità, imparando la prevenzione tra i banchi di scuola. Ne sono convinti i sostenitori del progetto «Mediamentebullo», presentato il 21 settembre presso l’aula magna del liceo D’Azeglio. È promosso dal Rotary Distretto 2031 (afferente al territorio del nord Piemonte e della Valle d’Aosta e  appresentato dal governatore in carica Enrico Reiteri), in collaborazione con l’Associazione Doing Philantropy onlus (con il presidente Paolo Saviolo) che sosterranno economicamente e affiancheranno il lavoro di «Essereumani onlus», realtà ormai affermata sul territorio che si occupa di didattica sociale, recupero e dialogo con i carcerati, mediazione.

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da LA VOCE E IL TEMPO
  • Del Domenica, 02 October 2016

Gandhi si chiedeva se fosse una civiltà quella che misura il progresso in base a quanti abiti la gente ha o in quanto più velocemente si sposta. A distanza di un secolo da quelle parole, c'è chi la risposta l'ha trovata con la meditazione e in alcuni casi con il rifiuto della società del consumo e dell'apparenza. C'è anche chi cerca e ricerca di vivere valori etici e spiritualità in luoghi insoliti e inseriti in contesti consueti come le città o addirittura gli uffici e le sedi aziendali. Professionisti, manager e impiegati che non vogliono farsi assorbire dalla routine quotidiana e si mettono alla ricerca di spazi per la preghiera e il silenzio sia condivisi che in maniera solitaria. 
In questa puntata ospitiamo Espedita Fisher, scrittrice e studiosa delle grandi scelte mistiche della contemporaneità italiana e curatrice di una collana sulla spiritualità. 
Vedremo anche un servizio sull'Eremo del Silenzio realizzato da Elena Sanfilippo nell'ala dell'ex carcere duro "Le Nuove" di Torino con il fondatore Juri Nervo di Essere Umani Onlus, mentre Mariachiara Martina ci racconterà il progetto Impresa Orante.

 
Conduce: Emanuele Franzoso
 

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da RETE ECONOMY
  • Del Giovedì, 23 June 2016

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da RadioCity
  • Del Venerdì, 06 November 2015

«EssereUmani» è una realtà nuova nel panorama della progettazione sociale, ma l'esperienza delle persone che ci lavorano è di lunga data. Il Movi­ mento nasce a Torino e ilteam che lo compone è legato a doppio filo con l'esperienza dell'«Eremo del Silenzio» (vedi «L'Ora di Religione» n.7, marzo 2015), luogo unico in Italia, aperto quattro anni fa presso l'ala un tempo destinata al41/bis fem­ minile, nell'ex carcere (oggi apprezzato Museo) delle «Nuove», in piena città.La scelta dellogo rac­ conta con efficacia lo spirito che anima ilgruppo di fondatori:«EssereUmani», dove la U diventa il disegno di un volto sorridente ed esalta il senso che compongono le altre lettere, ovvero «essere mani», diventare esperienza, conoscenza e colla­ borare per costruire e cambiare la società.

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da L'ora di Religione
  • Del Giovedì, 01 October 2015

"Ci piace dire che Essere Umani - a parlare è Juri Nervo che ne è tra i fondatori - per noi è un punto di arrivo e di svolta, perché nasce da un gruppo che da anni lavora insieme sul campo: in carcere, per strada e nelle scuole. È nato dalla nostra voglia di impegnarci concretamente per innescare un cambiamento, partendo dalla necessità di riscattare le ingiustizie con le quali per anni ci siamo confrontati quotidianamente". Che cosa vi proponete? "Essere Umani si propone, con le sue azioni, di diffondere l'etica sudafricana dell'ubuntu, riassumibile nell'espressione "io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo".

Informazioni aggiuntive

  • Tratto da La Stampa
  • Del Domenica, 05 July 2015
Vai all'inizio della pagina