Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Prevenzione

Il progetto “C.L.IN. – Carcere Lavoro e INserimento” nasce nel 2014 per avviare il servizio di lavanderia all’interno dell’istituto penale minorile di Torino gli indumenti dei ragazzi ospiti, in presenza di una figura educativa con esperienza e di un ragazzo detenuto in borsa lavoro

Il progetto del Laboratorio di Smielatura presso l’IPM Ferrante Aporti di Torino nasce in un locale in disuso dell’istituto che viene attrezzato, grazie al sostegno dell’Ufficio della Garante delle Persone Private della Libertà (Comune di Torino), a vero e proprio laboratorio nel quale poter ricavare il miele partendo dai melari.

Il progetto è stato ammesso a contributo dalla Compagnia di San Paolo nell’ambito del Progetto Libero 2016.

Il progetto “Filo di Continuità” nasce dalla collaborazione con il Consorzio Sociale Abele Lavoro, con l’Università del Perdono Onlus e con la direzione del carcere di Asti.

Nel 2016 in collaborazione con il gruppo GIOCA TORINO è nato un gruppo gioco in carcere presso l’Istituto Penale per Minorenni di Torino.

I volontari hanno in comune la passione del Gioco ed il piacere di divertirsi insieme, ecco perché il momento organizzato per gli ospiti del Ferrante Aporti vuole essere un momento di incontro e aggregazione anche con il pretesto di fare nuove amicizie.

Punto di forza comune e fondamentale è divertirsi stando insieme!

All’interno dell’Istituto Penale Minorile femminile di Pontremoli la forte presenza in termini percentuali di ragazze nomadi provenienti da svariati paesi (Croazia, Spagna, Romania…) sta portando spesso all’utilizzo dello strumento della scrittura per familiarizzare con la lingua italiana e per permettere loro di raccontarsi in un modo “nuovo”.

Il progetto si propone di attenuare il forte impatto che la realtà delle strutture della Giustizia Minorile (Centro di Prima Accoglienza, Ufficio dei Servizi Sociali per i Minorenni e Istituto Penale Minorile) possono avere sul minore che commette un reato ed entra, nella maggior parte dei casi per la prima volta, nel circuito penale. Per farlo si cerca di coinvolgere i giovani inseriti del CPA "Uberto Radaelli" di Torino in attività ricreative offrendo anche momenti di ascolto, si lavora per costruire un “ponte” tra CPA e IPM rivolto a quei ragazzi che in seguito all’udienza preliminare entreranno nell'istituto penale. 

Il progetto "Liberi Professionisti e... Finalmente Utili",finanziato dalla Fondazione CRT, sviluppa azioni rivolte ai giovani detenuti presenti accompagnandoli, attraverso la formazione, verso il pieno reinserimento nella società, con un ruolo attivo e produttivo.

Vuoi ricevere ulteriori informazioni? Non esitare a contattarci.

Vai all'inizio della pagina